Panchetta tornita pluriuso: arredare in stile montessoriano

Panchetta tornita pluriuso: arredare in stile montessoriano

Se hai un bimbo che frequenta il nido o la materna, ne avrai quasi certamente vista almeno una. Parliamo della panchetta tornita pluriuso, un oggetto, tre funzioni educative.

 

Arredare in stile Montessori con la panchetta tornita pluriuso

 

La panchetta tornita pluriuso è uno dei complementi d’arredo suggeriti per l’organizzazione di una cameretta in stile montessoriano.

Si tratta di una piccola panca, appunto, che a seconda di come viene appoggiata sul pavimento cambia l’altezza della seduta in modo da diventare accessibile ai più piccoli, oppure cambia proprio funzione trasformandosi in altro.

In un unico oggetto, infatti abbiamo:

  • una seduta con altezza di 17 cm;
  • una seduta con altezza di 22 cm;
  • un tavolino alto 31 cm.

Il bambino potrà così autonomamente adattare l’oggetto alle proprie misure e utilizzarlo durante la crescita. Si tratta infatti di un oggetto leggero e maneggevole, proprio in linea con il metodo Montessori che, come vedremo nei prossimi paragrafi indica l’uso di oggetti che non prevedano l’intervento degli adulti per essere utilizzati.

La panchetta è poi completamente tornita, quindi non presenta angoli o spigoli in modo da evitare traumi in caso di urti o cadute accidentali.

 

Panchetta tornita: asilo nido e scuola per l’infanzia

 

Come detto al principio, questa panchetta si incontra spesso negli asili nido, sia nella versione ad un posto, sia in quella più grande a tre posti, che i piccoli gestiscono in autonomia a seconda delle età e delle attività: dal cambiarsi le scarpette all’arrivo, all’appoggio per fare dei lavoretti.

La panchetta è un oggetto montessoriano utile ai bambini da 0 a 5 anni e dunque in uso in moltissimi nidi e materne, o scuole per l’infanzia.

La panchetta è realizzata per la massima sicurezza dei piccoli e le tinte utilizzate sono atossiche a base d’acqua che lasciano trasparire le venature del legno.

 

Metodo Montessori in sintesi

 

Abbiamo accennato al metodo Montessori e ai giochi e prodotti Montessori per l’applicazione del metodo, ma facciamo un piccolo passo indietro.

Maria Montessori è stata educatrice, pedagogista, filosofa, medico, neuropsichiatra infantile e scienziata nata nel 1870, e negli anni di studi ha elaborato un metodo educativo che ha rivoluzionato gli approcci pedagogici.

Il metodo segue il “naturale sviluppo” del bambino, utilizzando oggetti, giochi, strumenti e complementi d’arredo che consentano al piccolo di apprendere e memorizzare attraverso l’esperienza diretta, come appunto l’uso di una panca che ha tre diverse funzioni e che va spostata e poggiata diversamente per ottenerne l’uso desiderato.

 

Giochi e prodotti Montessori: alcuni esempi

 

Molti sono gli oggetti montessoriani utili all’applicazione del metodo, vediamone alcuni.

 

Il mio cofanetto Montessori degli uccelli

Un prodotto ideato con la LIPU (Lega Internazionale Protezione Uccelli), presenta all’interno  90 carte per scoprire 30 uccelli d’Europa. Per ogni uccello abbiamo infatti una immagine parlata, una carta muta e un cartellino di lettura, le schede degli habitat fondamentali, una guida per riconoscere e classificare gli uccelli e a scoprirne le abitudini, un taccuino di osservazione con le sagome degli uccelli, e i consigli per costruire una casetta-nido.

Al metodo poi si aggiunge ormai la tecnologia, con un’app abbinata al gioco per ascoltare i canti degli uccelli e imparare a riconoscerli.

 

Trova le note con le campane

Gioco dedicato l’apprendimento delle prime nozioni musicali. Il piccolo può ricostruire la sequenza delle note, associandole ai diversi colori delle campanelle. Una volta associate note e colori, sarà in grado di riprodurre nuovamente la sequenza selle 7 note ma utilizzando le campanelle tutte del medesimo colore.

 

Bambola delle allacciature

Una “matrioska” in tessuto morbido al tatto, fatta di bambole che presentano le diverse tipologie di allacciatura che il bambino incontra nella sua esperienza quotidiana: asole e bottoni, stringhe, poussoir, cerniera, gancetti e chiusura a strappo.

Giocando con le bambole il piccolo imparerà ad aprire e chiudere intuitivamente scarpe e vestiti.

 

Michela Calculli Una laurea in Economia, tante esperienze di lavoro tra TV e studi professionali. Da quasi un decennio si occupa di creazione e pianificazione di contenuti per il web.

Michela Calculli

 

 

 

 

 

 

 

Una laurea in Economia, tante esperienze di lavoro tra TV e studi professionali. Da quasi un decennio si occupa di creazione e pianificazione di contenuti per il web.

 

 

 

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *