pedagogia

Perchè il gioco tradizionale è importante per i bambini?

Quante volte ci è capitato di sentire dai nostri genitori e ancor più dai nostri nonni “non ci sono più i giochi di una volta…”? In parte possiamo affermare quanto detto poiché l’avvento del consumismo ha prodotto diversi cambiamenti, in particolar modo nella struttura della società. Sono stati introdotti nuovi meccanismi che, oggi, interagiscono con

Continua la lettura


pedagogia

E la tua stella dov’è?

“Due cose riempiono l’animo di ammirazione e venerazione sempre nuova e crescente, quanto piú spesso e più a lungo la riflessione si occupa di esse: il cielo stellato sopra di me, e la legge morale in me” (I. Kant)   È tempo di auguri, di festa, di doni… di famiglia: di Natale! Ma è pure

Continua la lettura


pedagogia

Partiamo dai “sa fare”: perché correre non è sempre la scelta giusta

Molte volte abbiamo la tentazione di correre un po’ troppo, come mamme, come educatrici e come baby sitter! Siamo talmente entusiaste e assorbite dai nostri cuccioli che riversiamo loro addosso giocattoli, attività, compiti che forse non fanno cosi tanto per loro! Ad esempio se il nostro bimbo sta per compiere tre anni, possiamo accompagnarlo gradualmente

Continua la lettura


pedagogia

I compiti…che tragedia!!!

Stamattina ho ricevuto la piacevole proposta di scrivere questo articolo e ne ho parlato a mia figlia, quinta primaria, la quale ha ribattuto immediatamente: “I compiti?! Sono sempre troppi e non servono a niente…o quasi!” Questo mi ha fatto riflettere, ricordando anche quanto mi viene riferito da altri bambini e relativi genitori: che messaggio viene

Continua la lettura


pedagogia

Le domande dei bambini…di questi tempi

Quotidianamente i fatti della cronaca ci inducono a riflessioni,  considerazioni, valutazioni. Sovente ci ritroviamo, noi adulti, a commentare, anche con frettolosa superficialità, avvenimenti che risultano essere tutt’altro che superficiali: la strage di Parigi ne è un esempio. Viviamo in un momento storico nel quale siamo inondati costantemente dalle informazioni che giungono da più canali con

Continua la lettura


pedagogia

Che cosa pensa dei regali un papà pedagogista? Ovvero piccola riflessione sul Natale…

di Roberto Polleri (pedagogista ANPE) Natale. Una ricorrenza sempre significativa che segna la fine di un anno e, volenti o nolenti, segna con forza il periodo invernale. Per alcuni è una ricorrenza di valore e di fede, per altri un fastidioso rito consumistico; nonostante tutto la ritualità del Natale ci trova tutti, a vario titolo

Continua la lettura


pedagogia

Cibo, gioco, educazione: strategie pedagogiche per un sano stile di vita in età evolutiva

Nella società contemporanea, soprattutto occidentale, la disponibilità di cibo è molto alta, sia nella quantità /varietà, sia nella composizione degli alimenti che è sempre più elaborata per ottenere una maggiore Palatabilità (*). Questa situazione non si era mai verificata nelle epoche precedenti alla nostra. Oggi siamo sommersi da un’infinità di stimoli che inducono ad utilizzare

Continua la lettura


pedagogia

L’infanzia tra sogno e realtà nel tempo e nello spazio di una società liquida.

Riflettere su quale sia la nostra idea di bambino e di bambina e, per estensione, della categoria sociale alla quale appartengono, è oggi più che mai importante. Questi strani personaggi che non cercano né storie né autori di pirandelliana memoria, ma sono essi stessi la storia; abitanti delle nostre case, scuole e piazze, delle strade

Continua la lettura


pedagogia

Educazione e pedagogia nella cultura dell’infanzia: verso un sistema integrato 0-6 anni

I servizi pubblici per l’infanzia, da tempo, hanno investito risorse di pensiero, progetti, organizzazione, per consolidare una tradizione di buon servizio aperta al confronto, alla collaborazione, all’innovazione, radicato nelle comunità attraverso importanti organismi di partecipazione delle famiglie (spazi nelle scuole). La diffusa riflessione culturale ha portato ad attribuire all’infanzia valore e diritti, e i servizi

Continua la lettura