I 5 migliori giochi di società per bambini dai 3 ai 6 anni

I 5 migliori giochi di società per bambini dai 3 ai 6 anni

I giochi di società, sono un’occasione di socialità per i più piccoli, in cui sviluppare dinamiche di gruppo, logica e spirito di osservazione. Vediamone 5 per bambini dai 3 ai 6 anni.

I primi giochi di società per bambini

Negli anni della scuola dell’infanzia, quelli che vanno da 3 a 6, i piccoli iniziano ad interagire in maniera strutturata con fratelli, amici e familiari.

I giochi di società o giochi da tavola che dir si voglia, rappresentano in questa fase un’occasione per giocare in maniera organizzata, con regole e ruoli definiti, e passare il tempo in compagnia di amici o in famiglia.

Molti dei giochi che vederemo contribuiscono poi a sviluppare nel bambino logica, calcolo e primi passi con la lettura. Non male!

Dadi delle storie

I dadi delle storie sono semplicissimi da utilizzate e possono essere un utile passatempo da usare in viaggio o nei luoghi pubblici, con il piccolo che si annoia (si pensi all’attesa dal medico, nel caso in cui non vi sia una sala attrezzata per i bimbi).

Il gioco si compone infatti di 4 dadi, che possono essere trasportati in una scatoletta o un sacchettino, ciascuno con 6 figure. Questo consente di ottenere innumerevoli combinazioni di oggetti, luoghi, situazioni e personaggi, da cui partire per la costruzione di una storia. Si può giocare in due o più persone e i bambini hanno l’occasione, oltre a divertirsi, di arricchire il proprio linguaggio e sviluppare le proprie capacità creative e comunicative.

Gioco dell’oca

Quando si pensa ai giochi da tavola, il gioco dell’oca è il primo a venire in mente un po’ a tutti. Un percorso con ostacoli ed imprevisti e l’obiettivo di attivare al termine.

Ma perché stare seduti a tavola se si può giocare per terra e con un dado si spugna che sembra una palla? Ed ecco il gioco dell’oca in versione tappeto   con fondo antisdrucciolo. Si sceglie una pedina, magari un giocattolo, e si lancia il morbido dado nella stanza.

Possono partecipare due o più giocatori ed è adatto ai bambini dai 3 anni in su, ma come spesso ripetiamo va bene per bambini di tutte le età, genitori inclusi!

Chi sono?

Con Chi sono? torniamo sui giochi per lo sviluppo lessicale dei più piccoli. Un giocatore indossa una fascetta sulla testa nella quale infila una carta, senza guardarla. Dovrà poi indovinare il personaggio raffigurato sulla carta, facendo delle domande agli altri giocatori.

Un passatempo molto divertente che assicura un mare di risate in compagnia e consente ai piccoli di affinare la capacità di richiedere e fornire dettagli. Ma attenzione alla clessidra! Bisogna indovinare in un lasso di tempo definito per vincere un gettone. Al termine del gioco vince chi ha collezionato più gettoni.

Smiley Game

5 giochi concentrati in una scatola di piccole dimensioni che sta in uno zainetto (che sia quello del piccolo, di mamma o di papà), questo è Smiley Game, un jolly da portare con sé per scacciare la noia.

Giochi che stimolano, concentrazione, memoria, riflessi e percezione visiva, concentrati in una scatola di metallo contente 48 carte rotonde e due dadi.

Uno dei 5 giochi è TROVAMI!

Si dispongono le 36 carte con gli smiley sul tavolo e vince chi trova per primo lo smiley raffigurato nel dado una volta tirato. Vince il gioco chi colleziona per primo 9 smiley.

Consigliato dai 2 anni in su.

Domino

Come per il gioco dell’oca, anche in questo caso andiamo sui grandi classici. Il Domino a cascata si compone di 116 tesserine colorate in legno naturale, e accessori utili a “disegnare” percorsi sempre nuovi prima di buttare tutto giù con un solo tocco. Ci riuscirai?

Piccoli e grandi insieme collaborano in questo gioco, sviluppando il senso dell’equilibrio, della distanza fra gli oggetti e anche della precisione nella disposizione delle tessere, nell’attesa della grande cascata finale!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *