progetto

Come progettiamo un ambiente scolastico: dall’idea alla realtà

Arredare un locale scolastico non significa “mettere mobili”, ma piuttosto creare un ambiente ricco di stimoli atti a facilitare
l’attività percettiva dei bambini. Questo perché la configurazione degli spazi riveste un ruolo fondamentale nella crescita dei piccoli.
I bambini imparano e si sviluppano attraverso le relazioni, i sensi e il gioco. A tale scopo l’ambiente può essere un valido aiuto:
• nel creare spazi protetti, caldi e familiari in cui instaurare RELAZIONI SIGNIFICATIVE;
• per favorire la STIMOLAZIONE SENSORIALE attraverso l’utilizzo di superfici e materiali diversi, specchi, etc;
• per stimolare il GIOCO e con esso la continua scoperta, attraverso specifici spazi dedicati alla manipolazione, alle costruzioni, al gioco simbolico e di ruolo.
Il nostro percorso progettuale, ispirato a questi principi, può esse re schematizzato nei seguenti passi:

Step 1: Comunicazione con il cliente e primi disegni preparatori

  • Individuazione delle specifiche esigenze ed  obiettivi pedagogiciprogetto
  • Analisi dei vincoli e delle opportunità strutturali dell’edificio
  • Divisione degli spazi in zone con caratteristiche compatibili
  • Individuazione delle aree dove svolgere le varie attività
  • Selezione degli arredi più adatti per ogni area al fine di creare un ambiente ricco di stimoli atti a facilitare l’attività  percettiva  dei bambini.

Step1

 

Step 2Progettazione in pianta

Questa fase della progettazione consiste nell’elaborare la planimetria fornita dal cliente, nella quale vengono individuati i vari spazi, disegnati i percorsi e inseriti gli arredi.

Step 3: Resa 3D con materiali ed illuminazione
La resa trimensionale aiuta a percepire gli ingombri e gli spazi di passaggio.
Grazie all’applicazione dei materiali e l’illuminazione si può ottenere un risultato molto simile all’originale, facilitando la lettura del progetto.

Step 4: Il risultato è davanti ai vostri occhi

One thought on “Come progettiamo un ambiente scolastico: dall’idea alla realtà

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *